Il Destination Branding per lo sviluppo dei territori

Il Brand, ovvero, il marchio, nel settore turistico è divenuto un elemento basilare.

Un destinazione turistica per essere definita come tale deve essere percepita dal turista come un prodotto, nello specifico un prodotto turistico.

Vi sono tre filoni di ricerca che richiamano il il Destination Branding secondo tre prospettive:

1- Il ruolo della marca come strumento di comunicazione;

2- Il ruolo della marca come schema percettivo, utilizzato per la costruzione dell’immagine turistica;

3-  La marca della risorsa come relazionale, per lo sviluppo della personalità della destinazione turistica.

La sfida di ogni destinazione è quella, quindi, di realizzare una piramide con i benefici percepiti dai turisti attuali e potenziali che influenzino la loro sfera emotiva. Tali principi possono essere tangibili, ossia, quelli oggettivamente verificabili, oppure, intangibili, l’insieme dei servizi che vengono offerti al cliente nella destinazione turistica.

Vanno inoltre analizzate tutte le caratteristiche qualificate al fine di fidelizzare i turisti nella località.

Inoltre è rilevante sapere che la costruzione del Brand non deve tenere solo conto dei caratteri distintivi dell’area ma deve individuare proposte e caratteri unici e inimitabili che sappiano cogliere i valori chiave della destinazione.

Infine per rendere efficace la nostra immagine turistica, un ruolo fondamentale è ricoperto sicuramente dalla comunicazione basata non sui classici paradigmi di comunicazione aziendale, ma che sappia creare senso di appartenenza a quel luogo.

Immagine correlata

 

@yourtourismconsulting

Annunci

Come installare Google Analytics su Wordpress

Il realizzare un sito web o blog può definirsi una cosa semplice o complicata a seconda delle proprie esperienze ma, in ambedue i casi l’obiettivo è: ottenere delle visite.

COME FACCIAMO A VEDERE CHI VISITA IL NOSTRO SITO?

Google Analytics è un servizio offerto da Google che, ci permette di effettuare il tracciamento delle visite che avvengono nel nostro sito, questo può essere configurato all’interno del nostro sito al fine di tenere sotto controllo le visite che vengono effettuate.

COME CONFIGURARE GOOGLE ANALYTICS SU WORDPRESS?

Basta collegarsi al sito di Google Analytics, con un account gmail oppure registrarsi al sito, una volta effettuato il login bisognerà andare nella sezione amministrazione come mostra la foto di seguito:

codice-di-monitoraggio-google-analytics.jpg

qui verrà rilasciato il codice monitoraggio, ossia il codice che vi permetterà di tener monitorate le visite nel vostro sito web.

DOVE ANDRA’ INSERITO IL CODICE MONITORAGGIO?

Se avete creato un sito con la piattaforma WordPress, dovrete sottolineare il codice monitoraggio in Google Analytics, tasto destro del mouse, cliccare copia, andate nel vostro sito, creato con WordPress, andare in < impostazioni > recarsi nella sezione Analytics e una volta entrati vi verrà richiesto di incollare nell’apposita  l’ID di tracciamento, una volta effettuato basterà salvare l’aggiornamento in alto a destra e il gioco è fatto, da quel momento potrete tenere sotto controllo le visite che verranno effettuate nel vostro sito web o nel vostro blog.

@yourtourismconsulting